Studio Legale Bolzani Cerrato
©2020 Studio Legale Bolzani Cerrato

L’assegno di divorzio e la disparità economica tra i coniugi.

Disparità economica tra i coniugi: l’assegno di divorzio.

Recentemente è mutata la giurisprudenza in merito alla condanna di pagamento dell’assegno divorzile tra i coniugi.

Il giudice, che dovrà ovviamente sempre tener conto del caso concreto, dovrà altresì concentrarsi sulla posizione economica del coniuge che richiede l’assegno divorzile.

I parametri per ottenere tale contributo sono cambiati. L’assegno di divorzio ha una funzione assistenziale, imprescindibile ma in pari misura compensativa e perequativa.

Pertanto un coniuge dovrà corrispondere l’assegno di divorzio all’altro solo se quest'ultimo non è in grado effettivamente di raggiungere una autosufficienza economica. Ciò a tutela dei principi solidaristici di derivazione costituzionale che informano i modelli relazionali familiari.

Tra i vari criteri per comprendere se è dovuto o meno l’assegno divorzile rientra altresì quello di valutare, in concreto, se lo scioglimento del vincolo matrimoniale abbia generato un importante squilibrio economico tra marito e moglie.

Una interessante pronuncia della Corte di Cassazione rileva che quando il marito ha potuto intraprendere una brillante carriera lavorativa, e la moglie, anche per scelta familiare, si è dedicata esclusivamente alla cura ed accudimento dei figli, se quest’ultima è divenuta titolare di un ingente patrimonio (produttore di reddito) costituito, di fatto, con l’apporto del marito, allora è possibile ritenere che sia stato già riconosciuto il sacrificio delle aspettative professionali della moglie. 

L'esigenza perequativa dell'assegno di divorzio è quindi già stata svolta dal contributo del marito nella costituzione del patrimonio della moglie.