Studio Legale Bolzani Cerrato
©2020 Studio Legale Bolzani Cerrato

L'annullamento del matrimonio

Il matrimonio ed il suo annullamento

E’ possibile richiederne l’annullamento del matrimonio civile quando quest’ultimo è stato celebrato in presenza di limiti o vizi: il matrimonio pertanto si considera invalido sin dal principio.

L’effetto dell’annullamento è quello della cancellazione del vincolo coniugale: in altre parole è come se il matrimonio non fosse mai esistito.

Ma quali sono i motivi?

Le ragioni che determinano l’annullabilità del matrimonio possono riferirsi innanzitutto a tutti quei vizi relativi alle condizioni richieste dalla legge: la formazione e il contenuto dell’atto del matrimonio, ovvero la mancanza delle condizioni generali per contrarlo, ovvero il mancato rispetto delle regole relative alla sua celebrazione.

Inoltre, particolare rilevanza rivestono i vizi del consenso per effetto dei quali la volontà di uno dei coniugi non si manifesta in modo autonomo e libero al momento dello scambio delle dichiarazioni. 

Il coniuge, infatti, può richiedere l’annullamento del matrimonio quando ha subìto una violenzamorale, e cioè una minaccia, che lo abbia condizionato nel prestare il proprio consenso.

 In secondo luogo, anche quando il matrimonio viene presentato come unico modo per sottrarsi ad un pericolo o come male minore, si ha un vizio del consenso che determina l’annullabilità del matrimonio. In questo caso si parla di timore, che deve essere di eccezionale gravità.

Infine, il matrimonio può essere impugnato nel caso in cui ci sia stato un errore sulla persona dell’altro coniuge, ovvero sulla identità (e ciò appare possibile solo in caso di matrimonio su procura speciale) e sulle sue qualità. Di interessante rilievo sono gli errori sulla qualità della persona, che devono essere necessariamente determinanti per il consenso: malattia fisica o psichica, anomalia o deviazione sessuale; sentenza di condanna per delitto non colposo; dichiarazione di delinquenza abituale o professionale; condanna per delitti concernenti la prostituzione a pena non inferiore a 2 anni; stato di gravidanza.